Passa ai contenuti principali

Abilmente Roma - edizione autunno 2018

Era tanto che non andavo in giro a curiosare, forse anche troppo tempo.
Se è vero che l’ispirazione può nascere anche girovagando per la rete, è anche vero che andare in giro di persona è molto più divertente e stimolante. 
Questo non solo perché si incontrano persone e si stringono rapporti umani, ma anche perché bisogna prepararsi alla trasferta. Recuperare tutto l’indispensabile, il che spesso non vuol dire trovare tutto in ordine e a portata di mano, sbirciare, per non dire studiare, il sito della manifestazione e organizzare le cose in casa, affinché l'assenza non sia sinonimo di delirio, fa sì che buona parte dei giorni antecedenti la manifestazione siano un po' incasinati, ma pure molto divertenti. 
Questa è la parte del gioco che preferisco!


Con questo spirito e con l’intenzione di divertirmi e di lasciarmi trasportare dall’arte e dalla creatività, ho preso il treno e sono andata alla Fiera di Roma, dove da giovedì e per tutto il fine settimana è ospitata Abilmente, la festa della creatività.
Del fatto che non ci sia dubbio alcuno che di festa si tratti, si ha subito la percezione anche in treno, persino alle 9.30 del mattino di un anonimo giovedì. 
Sì, perché molte erano già le signore, un po' di tutte le età, cariche di entusiasmo, che si trascinavano trolley e carrelli della spesa vuoti, pronte a riportarli a casa a fine giornata carichi di materiali, di progetti e di sogni.
Sogni, non ho sbagliato a scrivere. Ad Abilmente si regalano sogni.
I sogni possono essere anche molto diversi tra loro, dipende da persona a persona, dipende da quello che si sa fare, da quello che si vuole imparare. Possono anche essere sogni, che tali rimangono, perché non verranno mai realizzati.
Abilmente è da questo punto di vista il posto perfetto. Tanti corsi, workshop, dimostrazioni, oltre a tantissimi stand dove poter acquistare materie e poi la parte di Abilmente che a me piace di più, il luogo dove arte e creatività si incontrano e si fermano a chiacchierare, il luogo dove nascono le ispirazioni più belle e più preziose: La Via delle Idee.
Quest’anno La Via delle Idee è più un quadrilatero, una piazza, e accoglie creative straordinarie. Tra queste c’erano anche Jelena Saveljeva e Carla e Teresa di Carta e Oltre, che avevo già avuto modo di conoscere.
Io sono rimasta particolarmente colpita dalla mostra Storytelling Quilt, della quale vi parlerò presto perché è un progetto talmente bello, che merita uno spazio apposito.
E poi sono andata a scoprire i lavori delle signore de Sul Filo dell’Arte.
I miei occhi si sono poi persi a guardare tantissime rose bianche lavorate all’uncinetto poste fra il loro stand e quello dei Magliauomini.
Rose importantissime, veicolo di un messaggio forte contro la violenza sui minori. Anche queste rose, lo potete già immaginare, saranno presto oggetto di un post e vi parlerò così dell'associazione LatinaKnitCrochet.
Il mio tempo a disposizione è finito, come al solito, troppo presto e quando avevo ancora tante cose da vedere e tante emozioni ancora da incamerare, è passato il treno che mi ha riportata a casa.
Se vi ho incuriosito, sappiate che c’è ancora tutta domenica per visitare la fiera … non ve ne pentirete!

Ho incontrato ad Abilmente

Ho visitato la mostra

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel mondo incantato della maglieria per neonati con Il Neonato di Graziella

Ad Altopascio, in provincia di Lucca, esiste un Mondo Incantato fatto di fili intrecciati, di colori tenui, di orsetti curiosi e tenerissimi. In questo mondo incantato ci sono anche mani sapienti di artigiani, che lavorano i fili con la maglieria e con l’uncinetto, creando dei deliziosi vestitini per bambini. Questo mondo incantato è il sogno, avverato, della signora Graziella, che dal 1968 asseconda la sua passione per la maglieria e per il mondo dei bambini. Oggi l’azienda della signora Graziella, Il Neonato di Graziella , è diventata leader nel settore “maglieria esterna diminuita” e il suo mondo incantato ha affascinato anche tutti i componenti della sua famiglia. La caratteristica della lavorazione dei capi dell’azienda consiste nell’utilizzare macchinari, che permettono di realizzare ogni singolo pezzo del prodotto già nella taglia desiderata e non un rettangolo di maglia dal quale tagliare le varie parti per poi assemblarle. In questo Mondo Incantato è nata e cres

Heidi Aellig - Un sasso per un sorriso

  I sassi fanno parte di quei materiali ai quali io non so resistere: mi piacciono, solleticano la parte creativa che è in me, li trasformerei in millemila modi. Per questo non mi sono stupita quando un post del gruppo Facebook Un sasso per un sorriso è spuntato come post consigliato sulla mia timeline e ho scoperto che un bel po' di amiche creative facevano già parte del gruppo. Non mi è rimasto molo altro da fare che andare a scoprire qualche cosa in più del gruppo e dei meravigliosi sassi decorati che ne sono protagonisti e ho trovato una esplosione di creatività. L' obiettivo del gruppo è di regalare allegria e sorrisi, perché la gente ha bisogno più che mai di una cosa positiva e i sassi disegnati sono perfetto veicolo di allegria e serenità. Non mi sono però fermata ad ammirare i post nel gruppo, ho contattato la creatrice della iniziativa, Heidi Aellig e le ho chiesto di raccontarmi la sua storia.  Io ringrazio la signora Heidi per la disponibilità e intanto che voi leg

Uno sguardo su Paola Lusuardi

L'iperrealismo è un movimento artistico nato negli Stati Uniti intorno al 1970, caratterizzato dalla ricerca di riproduzione mimetica della realtà attraverso non solo l’impiego di mezzi fotografici o meccanici, ma anche, e soprattutto, l’abilità esecutiva dell’artista nella raffigurazione delle immagini reali. Oggi vi voglio raccontare l'iperrealismo attraverso le opere di Paola Lusuardi. Quello che mi ha colpito subito quando ho visto i suoi ritratti sono stati gli occhi grandi, limpidi pieni di luce e di profondità .  Occhi che esprimono sensazioni ed emozioni; sguardi e gesti che richiamano la viva realtà della vita. Paola Lusuardi vive e lavora nella città di Correggio (RE).  Artista autodidatta, nel corso degli anni si è specializzata presso l'Accademia di Belle arti di Bologna nell’ambito della riproduzione della figura umana di matrice iperrealista.   Con le sue opere sfida il mito della bellezza, la sua arte figurativa è di grande fascino e i suoi ritratti iperreali