Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Incontri

Bruna Tatafiore: geometrie di tessuti

Diceva Voltare: Di tutte le scienze la più assurda, la più capace di soffocare ogni specie di genio, è la geometria. Questa scienza ridicola ha come oggetto superfici, linee, punti che non esistono in natura. La geometria è solo uno scherzo di cattivo gusto. Io, però, ad Artigianato e Palazzo lo scorso anno ho incontrato una persona, che non solo pensa esattamente l’opposto di Voltaire, ma che applica le regole della geometria per creare borse, accessori e capi di abbigliamento bellissimi e unici.
Questa persona si chiama Bruna Tatafiore, architetto, ed ha applicato i suoi studi di geometria alla sartoria.

Olivia Monteforte - Bespoke Shoes

L'incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c'è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati. (Carl Gustav Jung)
L’avevamo contattata prima dell’edizione 2017 di Artigianato e Palazzo e le avevamo chiesto di esprimere un parere sulla sua partecipazione al Blogs & Crafts dell’anno precedente. La risposta di Olivia era stata concisa, ma si percepiva forte il suo entusiasmo: Vi aspetta una esperienza meravigliosa. E aveva ragione. Per noi l’esperienza di Artigianato e Palazzo è stata veramente meravigliosa e ricca di incontri fantastici.

Piel De Rueda, quando la pelletteria cambia pelle

Il mio incontro con Raul Ruiz Rodriguez risale al dicembre 2015. Preistoria, penserete voi … Il progetto era agli albori e io mi ero imbattuta, quasi per caso, in un mercato natalizio realizzato da una associazione di artigiani. Eravamo a piazza di Cinecittà, l’associazione era Prendi L’Arte e la postazione di Fabrike Recikled era una delle prime che avevano attirato la mia attenzione.




Cosa mi aveva colpito? Non ci sono molti dubbi: il materiale usato da Raul, per realizzare il suo lavoro. Fino a quel giorno avevo associato la pelle, tutt’al più la stoffa (o il tessuto più in generale) alle borse, alle cinture, ai porta chiavi. Lì davanti a me, invece, c’era tutt’altro: gomma, copertoni, camere d’aria ... la pelletteria aveva cambiato pelle! Cosa è successo dal 2015 ad oggi?

L'arte tessile di Rosanna Bernacchi

Il fascino dell’oggetto fatto a mano deriva dal fatto che l'artigiano che lo ha realizzato ha lasciato il suo segno su di esso. (Jean Baudrillard)
Di stile Rossana Bernacchi ne ha tanto. Tutto, nei suoi capi, è frutto di una ricerca minuziosa, a partire dal filo, per continuare poi con i modelli dei suoi abiti, e i colori, e i disegni delle stampe. Ogni suo capo è un pezzo unico e questo rende il suo lavoro ancora più accurato e affascinante.
Ho avuto il piacere di incontrarla a Firenze e di farmi raccontare la sua storia.


Ci può raccontare la sua storia? Come nasce il suo progetto? Io ho lavorato per 25 anni nel campo del tessile. Lavoravo all'ufficio importazione di un grosso buyer di Firenze. Mi occupavo dello sviluppo prodotto nei filati e della messa a punto delle produzioni. La mia storia nasce come ricerca prodotto, ricerca filati e messa a punto dello sviluppo dei campionari. Lavoravo con ditte, creando prototipi che venivano poi mostrati alle ditte americane.
Qual è stata l…

Elementi in cascina

Iniziare un nuovo cammino spaventa. Ma dopo ogni passo che percorriamo ci rendiamo conto di come era pericoloso rimanere fermi. (Robero Benigni)
Al buio, in mezzo alla neve, percorro il vialetto che mi conduce dentro Cascina Roland. Preparare questo viaggio è stato come entrare in un frullatore non solo di emozioni, a queste si sono accavallate storie e leggende. Varcare la soglia è ritornare indietro al 1400. Chiudo gli occhi e ci provo: sento rumori, suoni odori. Li riapro e trovo ad accogliermi Alessandra, Roberto, Massimiliano e Penelope uniti tutti in un caldo abbraccio per cominciare insieme un nuovo cammino: &_le_menti a confronto. Le opere non sono ancora arrivate tutte e c’è ancora molto da lavorare prima dell’inaugurazione. Mi guardo ancora un po’ intorno e la consapevolezza di non essere in un semplice ristorante, in una semplice cascina, prende sempre più piede dentro di me. La curiosità di saperne di più diventa necessità.

Sul mio cammino ho incontrato Francesco Garzelli, ge…

L'arte dell'intarsio secondo Zouganista

Chissà perché, quando sento parlare di intarsi mi vengono in mente mobili e tavoli decorati e cesellati con maestria artigianale, ma mai, prima delle mie scorribande fiorentine ad Artigianato e Palazzo, mi sarebbe venuto in mente di pensare all’intarsio come ad una tecnica così particolare e duttile da rendere possibile, grazie al suo utilizzo, di realizzare delle vere e proprie opere d’arte. Takafumi Mochizuki, titolare del marchio Zouganista, artigiano vincitore di Blogs and Crafts 2014 e presente anche nell’edizione 2017, mi ha fatto scoprire un modo diverso di concepire gli intarsi.

Viaggio nella Street Art di UNO

La TV ha fatto in modo che andare a teatro sembrasse inutile; la fotografia ha praticamente ucciso la pittura; ma i graffiti sono rimasti gloriosamente incontaminati dal progresso. (Bansky)
La street art romana, dal 2000 ad oggi, ha fatto passi da gigante. Tanto grandi, che il Comune di Roma ha deciso di realizzare una mappa della street art romana. Insomma, rispetto agli inizi di questo movimento, sta avvenendo una vera e propria rivoluzione o quanto meno si sta cambiando il punto di vista. La street art è un’arte in movimento, così come lo sono gli street artist. Lo è pure UNO, artista che vive e lavora a Roma dal 2005 e che io ho rincorso per quasi un anno, prima di poter parlare con lui al telefono. Posso dire, comnque, che è valsa la pena aspettare.
Le tecniche che lui utilizza sono quelle classiche della street art, ma quello che di più mi ha colpito nel vedere le sue opere è vedere come riesce a giocare con la tecnica pubblicitaria per poi cambiarla di segno, per farla diventare st…

In viaggio con la Walking Art di Barbara Di Mauro

La pittura intuitiva non è una semplice pratica espressiva, ma una profonda esperienza di iniziazione, guarigione ed evoluzione interiore alla scoperta dell’anima. (Marianne Cordier)
Ho incontrato Barbara Di Mauro in una calda serata di settembre. Ero andata a salutare le sorelle Zurlo in occasione del vernissage di una loro mostra, ad Area Contesa Arte. Sono stata attratta come una calamita dai suoi quadri, attratta dai colori e dal loro spessore materico. Ho cercato di individuare Barbara tra la gente e così è successa una cosa stranissima. Avevo visto che oltre ai quadri e agli acquerelli c’erano anche delle bellissime borse in tela, che riproducevano fedelmente le sue opere. Allora mi sono detta per trovare lei mi basta trovare una signora con una borsa come la sua. Sembrava facile da realizzare la mia idea…
Già, facile se non ci fossero state una decina di signore, in giro per Area Contesa Arte, con una borsa di Barbara di Mauro a tracolla. Ho saputo poi, che le signore erano tutte a…

Casa Gioia. un progetto di sartoria sociale

Le grandi fiere della creatività come Abilmente favoriscono gli incontri e gli scambi tra persone. Non sono solamente grandi, enormi bazar di perline e di attrezzature per fare craft. Non sono solo questo, mai. Certo, ad un primo colpo d’occhio, è difficile credere a una cosa del genere. È perfino difficile crederlo, origliando le conversazioni di chi, in treno, è pronto per fare scorte di materiali. Bisogna stare attenti, vigili, senza farsi prendere dalla foga dell’acquisto compulsivo.
A guardarsi intorno ci si guadagna sempre.
Così ho fatto io, notando ed avvicinandomi, allo stand di Nuovi Orizzonti, dove mi sono fatta raccontare il loro progetto di sartoria sociale Casa Gioia.
Casa Gioia è la prima comunità di accoglienza femminile di Nuovi Orizzonti e venne inaugurata sedici anni fa da Chiara Amirante e Suor Paola. Vengono accolte donne, che sono cadute nel vortice della dipendenza, donne fragili che hanno bisogno di ritrovarsi, di riscoprire il loro valore, di riprendere in mano la…

Il mondo della piuma secondo Mazzanti Piume

L’immagine più bella, che io ho di una piuma, è quella della piuma bianca, che cade dal cielo in Forrest Gump. Mi piace e mi affascina proprio perché rispecchia in pieno la leggerezza, la poesia e la magia. Ho ritrovato, con gioia, tutte e tre queste caratteristiche nello spazio della limonaia grande di Giardino Corsini, dove sono stata investita dall’entusiasmo del signor Maurizio Mazzanti. In un batter d’occhio mi sono ritrovata con un cerchietto di piume in testa e con un boa al collo e, imbarazzo a parte, ho fatto un salto all’indietro nell’atmosfera degli anni ‘20-’30 del Novecento. Se vi state chiedendo, perchè non vi mostro ora una mia foto mentre sono così abbigliata, sappiate che mai nessuno la vedrà!

Barbara Cardamone, la Pittrice della Luna

Probabilmente noi sogniamo sempre, ma quando siamo svegli la coscienza fa tanto chiasso che non ce ne accorgiamo più. (C.G.Jung)
È un universo pieno di sogni quello che mi trovo davanti in una calda domenica settembrina. Sono andata ad Area Contesa Arte in occasione di un vernissage e sono stata catturata da queste opere. Catturata penso sia proprio la parole giusta. Mi sono ritrovata di fronte a paesaggi incantati con colori al limite dell’irreale, che mi hanno catapultata in un mondo onirico. Tutto in un batter di ciglia. Ho cominciato, come facevo da bambina, a immaginare storie. Ho immaginato famiglie raccolte davanti al fuoco scoppiettante di un camino, che si raccontano cosa è accaduto durante la giornata. Ho immaginato bambini, che dormono sereni abbracciando il loro orsetto, e mamme, che passano a dare loro il bacio della buonanotte.
Donne, che aspettano qualcuno che forse non arriverà mai. Poi, un altro battito di ciglia, e sono ritornata nel mondo reale, pieno di gente che guarda…

L'atmosfera della bottega artigiana di Stefano Ajello

L’Umbria è una regione affascinante ricca di storia e di artigianato. Abbiamo già fatto un salto in Umbria con le storie artigiane di Mariaelisa Leboroni, de L’Allegra Sartoria e di Ezio Procacci, loro sono solo una minima parte degli artigiani, che si possono incontrare nei borghi e nelle città medievali. Tessitura, ceramica, legno, cioccolato sono le principali produzioni artigianali, che possiamo trovare in questo territorio.
Un artigiano umbro, di quelli che hanno bottega e che lavorano secondo le antiche tradizioni, io l’ho incontrato a Firenze durante Artigianato e Palazzo e, devo dire, mi ha conquistato.

La luce si veste con abiti da sera

Non guardare se il tuo bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto. Guarda quanta luce c’è nel vetro.(Fabrizio Caramagna)
Quello di trovare il paralume perfetto è  uno degli annosi problemi che si devono affrontare, quando si arreda una casa o anche più semplicemente quando si ha avuto la fortuna di avere tra le mani una vecchia e bellissima base sprovvista – ahimè - del paralume originale.  Per fortuna la creatività del signor Guglielmo D'Alfonso ci può aiutare.
Già, perché la sua è un’idea geniale: usare le perle di cristallo per rivestire lampadine, ventoline e paralumi. L'effetto devo dire è strabiliante. Per la forza della magia creativa ogni lampada trova la propria veste scintillante e preziosa e non c'è arredamento o stile che possano impedire l'utilizzo di queste meraviglie. Io, nel Giardino Corsini, sono letteralmente caduta ai piedi del signor Guglielmo nell'intento di farmi raccontare la sua storia. Per fortuna mi ha soccorso con una sedia e la nostra chiacchiera…

La xilografia secondo Xilocart

Oggi vi voglio raccontare una storia. La storia della xilografia, una delle più antiche tecniche incisorie. E’ una storia lunga che comincia in Cina Nel I sec. e prosegue in Europa nel XV sec. una storia più complessa di quanto si creda. Il lavoro xilografico è tutto incentrato sul legno che viene tagliato, disegnato, inciso, impregnato di colore e infine viene usato come timbro su carta. Pare facile detto così e invece non lo è affatto. La precisione, la minuzia dell’intaglio e la sovrapposizione dei colori fanno sì che le opere xilografate siano dei veri e propri capolavori. La xilografia a colori raggiunse un altissimo livello in Giappone soprattutto nei sec. XVIII e IX portando anche fino a 20 il numero dei legni usati. Le sue origini in Occidente rimangono imprecisabili. Probabilmente l’uso della carta è fondamentale spinta per l’utilizzo della xilografia. Dopo l'invenzione di Gutemberg della stampa a caratteri mobili, la xilografia ha trovato un potente alleato per la sua sop…

JS Embroideries: ricamo Haute Coutures

L’arte del ricamo ha origini antichissime. In Oriente i ricami venivano utilizzati per decorare vesti fastose e nel Medioevo si affermarono anche in Europa, dove vennero impiegati non solo per impreziosire gli abiti indossati dagli imperatori, ma anche quelli liturgici. A partire dal XIII secolo la moda del ricamo si diffuse sempre di più.

Thya Bijoux:ecogioielli made in Italy

L’ispirazione nasce da quello che vediamo, dalla nostra vita, dalle nostre emozioni. Gli artigiani, gli artisti, più di altri trasmettono le loro emozioni e il loro sapere alle loro creazioni e così anche lo spettatore, il fruitore della creazione, rimane affascinato e abbagliato. Le ispirazioni più belle, più affascinanti, sono quelle che vengono dal contatto con la natura. Ne sa qualche cosa Lidia Sanna, artigiana romana che realizza bijoux, unendo due sue passioni: la natura selvaggia dell’Africa sub-sahariana e i colori dei paesaggi irlandesi.
Queste due passioni diventano fantastiche ispirazioni per le sue due linee di gioielli Fauna e Flora. Quello che veramente mi ha affascinato e mi ha attirato verso il suo stand ad Artigianato e Palazzo è stata la scelta dei materiali: cascate di petali di fiori colorati incapsulati in plastica trasparente e animali realizzati con plastiche di riciclo. Già, riciclo… se si ama la natura, se la natura stessa è musa ispiratrice e protagonista delle t…

Antonio De Noia, artigiano del legno

L'olivo è una pianta centrale nella storia delle civiltà, che si affacciano sul bacino del Mediterraneo e di tutto l'Occidente. È stato considerato da sempre come simbolo di pace, di giustizia e di sapienza. Le prime piante selvatiche esistevano sull'isola di Creta fin dal 4000 a.C. I  suoi frutti, le olive, sono impiegate per l’estrazione dell’olio, che è parte fondamentale della cucina mediterranea. L’olivo, però, serve anche ad altro.

Valevu, lo slow fashion delle borse

La mia passione per le borse è ormai risaputa anche qui tra le pagine di questo blog. Forse è l’accessorio di moda, che mi piace di più. Grandi, piccole, comode, scomode, ne ho avute veramente di tutti i tipi. Per questo motivo io proprio non resisto alla possibilità di poter conoscere, di poter parlare con chi le borse le crea e le progetta. A Firenze, a maggio, per me è stato veramente come entrare nel paese dei balocchi. Se nella limonaia piccola del Giardino Corsini ho avuto il piacere di parlare con l’ideatrice del marchio RARO, nella limonaia grande ho incontrato Valentina, ideatrice modellista e designer del marchio Valevu.


Come nasce Valevu? Nasce da un’idea covata per qualche anno. Ho cominciato creando sandali, mi sono specializzata nella creazione di sandali, ho fatto un po' di esperienza e poi sono approdata alle borse con questa linea creata un po' per caso  in un pomeriggio di quelli in cui ti chiedi oggi cosa potrei fare? All’interno di questo progetto ho messo quell…

Changing Atmosphere ... tutto si trasforma

Secondo un racconto di Plinio il vetro fu una scoperta accidentale dovuta ad alcuni mercanti fenici, che, sbarcati presso le rive del fiume Belo in Siria intorno al 5000 a.C, accesero un fuoco da campo ed usarono per appoggiare le loro pentole dei blocchi di nitrato prelevato dal carico che trasportavano. ...il natron, fondendosi per l'ardore del fuoco e mischiandosi con la sabbia della spiaggia, si vide un nuovo liquido trasparente formato da questo miscuglio... Probabilmente questa è solo una leggenda, fatto sta che ancora oggi il vetro è tra i principali materiali usati per la conservazione di alimenti solidi e liquidi. Il vetro ha anche la caratteristica di poter essere utilizzato per la conservazione più volte, perché è un materiale sul quale non rimane traccia, se ben pulito e trattato, dell’alimento conservato. E’ innegabile, però, che questo materiale si presta molto per essere anche riutilizzato in ambito artistico. Le bottiglie, una volta finito il contenuto, possono cambiare…

Marie Anne, la storia di un destino comune

Roma, raid al centro antiviolenza di Tor Bella Monaca. «E' un'intimidazione»
(Il Messaggero, 20 giugno 2017) Tor Bella Monaca, atti vandalici al centro antiviolenza "Marie Anne Erize". Catallo: "Non ci fermiamo"
La presidente del centro: "Non ci facciamo spaventare da questi vili attacchi andiamo avanti per la nostra strada"
(RomaToday, 21 giugno 2017)
Quasi sette milioni, secondo i dati Istat, sono le donne che, nel corso della loro vita, hanno subito una forma di abuso. Sono 3 milioni e 466 mila in Italia, secondo l'Istat, le donne che nell'arco della propria vita hanno subito stalking, ovvero atti persecutori da parte di qualcuno, il 16% delle donne tra i 16 e i 70 anni. Di queste, 2 milioni e 151 mila sono le vittime di comportamenti persecutori dell'ex partner. Ma il 78% delle donne che ha subito stalking, quasi 8 su 10, non si è rivolta ad alcuna istituzione e non ha cercato aiuto.